Archivi categoria: musica

Focus on: Emilie Autumn

1

2

3

4

5

6


Oh. wow.

Giornata che sembra un lunedì, in realtà è venerdì.
Ho sentito dire “Ma diamine, non è lunedì oggi?” almeno a tre persone nell’arco della giornata. Non riesco a spiegarmi il perchè.
Il lunedì presuppone un weekend alle spalle – bello o brutto che sia.
Invece no.

Alle spalle mi porto ore ed ore di fotoritocco maniacale ( quando mi ci metto sono fredda e malvagia come un condor ), corsette serali, una bella camminata per Venezia e qualche litro di tisane in più.

Stasera ho fatto una bella chiaccherata come si deve con mia madre.
Le ho comunicato il mio chiaro intento di ufficializzare il mio vegetarianesimo ( ormai è talmente palese che basta solo dirlo per completare il quadro generale ) e lei si è dimostrata solidale – strano ma vero.
Mi ha però suggerito – ed accetterò di buon grado il suo consiglio – di rivolgermi al nostro medico di base per avere delucidazioni e scoprire se c’è qualche nutrizionista in zona che possa darmi supporto medico specialistico nella mia transizione.
Non che io non sia informata o non sappia che pesci pigliare, semplicemente credo che a mia madre farebbe piacere confrontarsi con una persona reale e preparata che possa eventualmente dirle cosa cucinare per me quando torno a casa la sera.
Le ho spiegato che la mia perdita di peso è stata naturale conseguenza dell’eliminazione di determinate categorie di alimenti e dell’attività fisica che ho deciso di incrementare.

Onestamente la prospettiva di poter finalmente mangiare serenamente i cibi che reputo “sicuri” e non nocivi per il mio organismo mi alletta molto. Senza contare che adoro provare cose nuove e sono sicura che se comincerò a diventare brava con qualche ricetta particolare, nessuno in famiglia si tirerà indietro.

È un bel sollievo non dover più litigare.

Passando ad altro, stasera mi trovo a casa. Sono davvero molto stanca ( i corsi oggi mi hanno sfiancata ), e non riesco a concepire nessun luogo diverso dall’orizzontalità del mio letto – con relativo piumone.

Sto ancora aspettando la chiamata dell’ospedale per il secondo Day Hospital, ma non si sono fatti sentire come mi avevano promesso.
Do loro una soglia virtuale: martedì a mezzogiorno. Se entro quel momento non avrò ricevuto notizie, li chiamerò io. Con dicembre i ritmi si rallentano ed io volevo avere entro Natale delucidazioni sulle mie intolleranze alimentari, checcavolo.

[ Oggi ho ascoltato il nuovo singolo dei The Birthday Massacre più e più volte. Ve lo lascio in dono ]

 

 

Every minute shared is never mine / Frozen in this fog and hiding / Every second in time /
I’m in the dark, I’m alone around you / I’ve never been here before / Nobody here to get me through / Oh, I’m in the dark.



Stream of Passion.

Gli Stream of Passion sono un gruppo musicale progressive/gothic metal olandese fondato da Arjen Anthony Lucassen e Marcela Bovio.
La loro discografia comprende “Embrace the Storm” (2005) e “The Flame Within” (2009).

Al momento mi sto gustando il primo dei due cd live “Live in the Real World”. Effettivamente questo gruppo female-fronted ha moltissimi punti in comune con ogni band gothic metal di stampo classico, quali la voce melodiosa e malinconica e l’uso smodato di tastiere e atmosfere sospese.
Ciò che colpisce è la chitarra dall’influenza fortemente progressive, e credo che sia l’elemento distintivo di questo gruppo.

[ ogni tanto mi piace rendere partecipi gli altri della musica che ascolto – che possa piacere o meno, sono sempre spunti ]

Stream of Passion


piove.

Piove. Tuona.
E poi questo.

Piove fuori e piove sul mio cuscino.