Archivi tag: esercizio

keep calm and skate faster.

skate

Ecco cosa mi sono concessa oggi.
Dopo una sana riflessione su come io non viva in California (nè tantomeno di illusioni), ho realizzato che forse – magari, eh – il longboard al momento giacerebbe inutilizzato per decenni prima che io possa scorazzarci.
Ho preso una tavola basica, ho speso poco – visti e considerati i prezzi standard degli skateboard, noti credo a tutti – e devo dire che viaggia abbastanza bene. Dovrò cambiare le ruote (sono troppo morbide) e con molta probabilità ridipingerò il deck.

Mezz’ora di skate = -120kcal

Oggi è stata una giornata orribile. Ho fatto tante cose, ho sentito tanta pressione, ho passato troppo tempo in casa ( 6 ore: troppe, anche se non di fila ), mi sono abbuffata, ho vomitato, ho fatto tanta ginnastica.
Non so. È stato come vivere più personalità all’interno dello stesso corpo nel giro di 24 ore consequenziali. Non fa per me.
Non capisco dove sia finita la mia smània per la purezza che avevo fino a tre giorni fa. Quella stessa sensazione di vuoto perfetto che mi ha fatto comprare un vestitino bianco – che forse domani indosserò -, quel sentimento di immaterialità che ti fa volare sopra il peso delle cose.
Il solito “bel periodo”.
C’è che ho visto le foto di domenica e le ossa del mio petto svettavano dalla maglietta. C’è che ho pianto nei camerini di H&M mentre mi cambiavo, perchè ero informe e la pelle ricadeva in maniera poco sana.
C’è che, dato che mi basta mangiare normalmente per mettere su peso, probabilmente domattina sarò di nuovo una balena arenata su una spiaggia.
Lo so.

Dico tutto questo perchè forse c’è dell’emozione in ciò che mi attende.
Sto per incontrare una persona che negli ultimi tempi ha rivestito un’importanza davvero inusuale (inusuale per i miei standard, almeno) all’interno della mia vita. L’ho conosciuta tramite questo blog, tramite questi mezzi che fanno tanto parlare e che fanno puntare il dito invece di aprire le menti.
Domani passerò 8 ore totali in treno per rendere possibile questo incontro, e ho idea che lo stesso sarà per lei.
Credo che sia questa aspettativa, questo senso di nudità spirituale che mi avvolge a far parlare l’istinto anzichè il cervello. Questa paura di essere inadeguata – perdonami, Juno – che mi porta a gettarmi sull’eccezione, sull’eccessività, sulla bulimìa.
So che domani il mio comportamento sarà impeccabile. Tendo ad idealizzare tutto ciò che reputo abbastanza importante da farmi battere il cuore. Mi immagino i momenti, le luci, gli odori.

Mancano 7 ore al trillo della sveglia. Bologna, arriviamo.


and a heavy new year.

1 gennaio 2011.
Inaugurato correndo su dei tacchi che normalmente non lo permetterebbero, avvolta in un cappotto nuovo e pesante che tuttavia non mi ha protetta a dovere.
1 gennaio 2011.
Allo scoccare della mezzanotte sono abbracciata a lui. È il mio quinto capodanno sulle sue labbra.
1 gennaio 2011.
Tornare poco prima delle quattro perchè sto tremando. Mi viene quasi da piangere. Voglio solo il mio letto, le mie cose, i miei maglioni.
Riuscire ad addormentarsi abbracciata alla borsa dell’acqua calda.
1 gennaio 2011.
Alzarsi alle 11.
Decidere che dovevo sapere. E la bilancia mi sputa in faccia il peso più basso registrato nella mia età di sviluppo. 51,3.
Ancora troppo.
1 gennaio 2011.
Mettere su il caffè e giocare alla Wii con i miei fratelli in attesa che arrivi l’ora di pranzo.
1 gennaio 2011 e sguardi torvi a tavola. Fissi su di me e sull’ammontare di merda cibo ancora presente nel mio piatto.

ore 11.10 un caffè con una goccia di latte.
ore 13.00 una sfogliatina con un po’ di insalata russa. un’oliva. mezzo piatto di minestra. lenticchie. zucchine. un pezzetto di torta di spinaci. una foglia di radicchio rosso cotto. un’insalata.

1 gennaio 2011.
16 + 80 + 12 + 200 + 80 + 10 + 5 + 90 + 20 = 513kcal

Mi attendono:
un’ora di camminata
un’ora di cyclette moderata
esercizi vari a terra O WiiFit.

E buon anno.

 

 

img


52,3kg.

Merda merda merda.
Odio retrocedere. E odio ancora di più le torte di compleanno. Mia madre sa perfettamente che la crostata alla marmellata è la mia torta preferita.
LO. SA.
Stamattina ci ho quasi fatto sesso, con quella torta. Ho mandato giù tre fette come ridere.
E infatti rido.

Ah. Ah. Ah.

Ricominciamo con il calcolo dell’entità dei danni, perchè sto perdendo le buone vecchie abitudini.

DISASTRO COLAZIONE DI OGGI:

– 1 yogurt magro Müller ( 107kcal )
– due formelle di Weetabix con marmellata ( 120kcal )
– tre fette di crostata alla marmellata ( circa 300kcal )
– un biscotto “Bio” – che tanto bio non è – ( 30kcal )
– una tazza di caffè nero ( 6kcal )

Risultato: 563kcal

Beh. Bene.

Ad uso e consumo di tutti coloro mi leggono e stanno in silenzio ( il contatore di visite non mente, ragazzi. Un pensierino ogni tanto non mi farebbe schifo 😀 ):

www.calorie.it

Praticamente una Bibbia. L’odierna panacea delle anoressiche ( e delle wannabe ).

Se inserisco il mio peso attuale in “Consumo Calorie”, ne deriva che per smaltire questa catastrofica colazione, io dovrei fare:

– 30 minuti di cyclette moderata ( -183kcal )
– 30 minuti di rollerblade – regalo dell’altroieri del mio moroso ( -326kcal )
– 30 minuti di corsa a 8km/h ( -208kcal )

E per essere sicuri un po’ dei miei soliti esercizi a terra, quali flessioni, addominali e stiracchiamenti di vario genere.


1 yogurt, 1 caffè, mezzo biscotto ( 120kcal )

1 piatto di minestra – vegetale ( 90kcal )

1 tazza di the ( 2kcal )

1 ciotolina di insalata, 1 pugnetto di verza ( 20kcal )

120 minuti di cyclette +  esercizi a terra ( -700kcal … credo )
1 ora di camminata circa ( non contiamola )

Totale: -478kcal



thinspo


img

Non ho un granchè da dire.
Sono andata dal mio ragazzo, questo pomeriggio.
Apro una parentesi: da ieri la mia temperatura corporea è scesa di molto. Eccezion fatta per la sera – quando cioè mi trovo sotto il piumone – durante il giorno ho così tanto freddo da battere i denti ed essere vestita più di tutti i miei famigliari messi assieme ( e siamo in cinque in tutto ).
Sicchè mi reco dal mio ragazzo per andare assieme all’Ikea, invece appena mi tocca mi ficca sotto le coperte e comincia ad abbracciarmi per scaldarmi. Risultato finale: abbiamo trovato un modo alternativo per scaldarmi, che prevedeva il togliermi tutti gli indumenti che avevo addosso. Quando si dice “situazione paradossale”.

Sono tornata a casa per la cena, dove ad attendermi c’era una schifosissima frittata e delle patate.
Ho rifiutato tutto con garbo e mi sono curata e lavata del cavolo cappuccio rosso ( 20kcal ogni 100 grammi – come fare a non adorarlo? ). Una ciotola di quello e mi sono sentita riempita come non mai.
Sono salita al piano di sopra per il mio appuntamento serale con la cyclette, e dopo un’ora di pedalate e quel solito quarto d’ora di addominali ed esercizietti vari, eccomi nel letto.

Quindi, cara Chocoholica, che cosa hai ingurgitato quest’oggi?

c – 1 yogurt + 1 biscotto ( 124 + 20 kcal )
m – 1 caffè nero ( 6 kcal )
p – 1 piatto di minestra calda ( 150 kcal )
m – niente
c – 1 ciotola di cavolo cappuccio rosso ( 30kcal )

Esercizi: 120 minuti di cyclette totali ( -800kcal )+ 2 sessioni di esercizi a terra ( che non contiamo )

Totale: -470



Ah già.
Dimenticavo.

colazione: 1 yogurt magro + 5 petit biscuits ( 217kcal )
metà mattina: 1 tazza di the non zuccherato ( 2kcal )
pranzo: un piatto di minestra + un caffè nero ( 202 kcal )
merenda: 1 tazza di the non zuccherato ( 2 kcal )
cena: 30gr di verze + una ciotola di insalata ( 40kcal )

attività fisica:
2 h di cyclette: – 900kcal
30 min addominali e esercizi a terra: – 150kcal
camminare per un totale di 40 min circa ( facciamo che non lo contiamo )

Totale: -587kcal

È rassicurante leggere del deficit.
È un po’ meno rassicurante pensare che fino a qualche mese fa andavo avanti a liquidi anche per due settimane di fila.
Eh vabbè. Ogni cosa a suo tempo.


dormire con un peso.

Tecnica ninja del giorno: dormire con i pesetti ancora attaccati alle caviglie.
Sognerò di correre per lande desolate? Di fare esercizio anche quando dovrei riposare?

Eppure questi pesetti alle caviglie sembrano un po’ la copertina di Linus. E mi addormento serenamente.